fbpx
Trachelospermum jasminoides

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera. E altre da internet

Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Gentianales
Famiglia Apocynaceae
Sottofamiglia Apocynoideae
Tribù Apocyneae
Sottotribù Chonemorphinae
Genere Trachelospermum
Specie T. jasminoides
Nomenclatura binomiale
Trachelospermum jasminoides
(Lindl.Lem.1851
Sinonimi
Rhynchospermum jasminoides
Lindl.
Nomi comuni
falso gelsomino, rincospermo

Trachelospermum jasminoides (Lindl.Lem.1851, noto volgarmente come falso gelsomino o rincospermo, è un arbusto rampicante della famiglia delle Apocinacee[1]

Il nome scientifico deriva dal greco: “trachelos” significa collo e “sperma” significa seme. Quindi questa pianta ha un seme con il collo. composta per la maggior parte da piante tropicali e subtropicali.

E’ originario dell’estremo Oriente: in Cina, in Giappone, in Vietnam e a Taiwan il suo profumo è spesso riconoscibile per le strade. Si deve allo scozzese Robert Fortune la sua introduzione in Europa nel 1844. Poiché è un rampicante sempreverde e fiorito sufficientemente rustico da sopportare il clima più freddo dell’Italia settentrionale, ha trovato nel nostro Paese una grande diffusione negli ultimi anni.

Può essere coltivato sia in vaso in balconi e terrazzi, sia in terra in giardino. Per quanto riguarda la coltura in vaso con graticci, si può creare un abbinamento tra il falso gelsomino e il Solanum Jasminoides; avremo così fiorellini bianchi da primavera a fine estate e due tipi di vegetazione che ben si mescolano fra loro.

Descrizione

Le foglie sono sempreverdi, opposte, coriacee e semplici, il picciolo breve, la lamina è lanceolata (2-3 × 3-5 cm) e lucida. Le infiorescenze sono delle cime pauciflore. I fiori sono pentameri, sinsepali e sinpetali, con 5 stami inseriti sulla corolla rotata e bianca (3 cm), l’ovario supero a due carpelli fusi è molto profumato. Il frutto è a forma di capsula.

La pianta fiorisce da aprile a luglio.

Distribuzione e habitat

La specie è diffusa in CinaGiapponeCoreaTaiwanTibet e Vietnam.[2]

Coltivazione

Utilizzo[

Si usa in giardino a masse per la formazione di spalliere, pergolati, muri fioriti, siepi. Ottimo anche in vaso

Esposizione e manutenzione

Gradisce il sole, ma accetta la mezz’ombra. Rustico, tollera sia il caldo sia il freddo (teme solo gelate forti e prolungate). Potatura di formazione e contenimento. Teme le potature eccessive e/o dei rami principali, che possono causare rallentamento nella crescita. Si adatta a tutti i tipi di suolo, anche calcarei. La messa a dimora deve osservare una distanza di circa 40 cm in giardino e di 30 cm in vaso, dove è consigliabile un miscuglio al 50% di suolo argilloso-sabbioso e torba universale.

Irrigazione

Richiede annaffiature regolari, ma resiste a brevi periodi di siccità.

Concimazione

Va concimato ogni 15 giorni in primavera-estate con fertilizzanti liquidi o minerali granulari ternari con NPK diluiti in acqua.

Ultime Novità

2 ottobre FESTA DEI NONNI

2 ottobre FESTA DEI NONNI

Leggi

CONSEGNA A DOMICILIO

CONSEGNA A DOMICILIO

Leggi

Euphorbia milii

Euphorbia milii

Leggi

Schefflera

Schefflera

Leggi